News & Press

KIMCHI

Il sapore della tradizione
Kimchi - Cucina coreana
  • Kimchi - Cucina coreana

Oggi vi parliamo di cucina coreana e più precisamente vi presentiamo il Kimchi.


Il Kimchi (che in italiano si pronuncia chimci) al Ristorante giapponese e coreano Tobiko non lo trovate a menù, ma è una preparazione quasi sempre presente in cucina e che, a richiesta, saremo lieti di portare alla vostra tavola; in una ciotolina in puro stile coreano oppure in aggiunta ai vostri piatti preferiti per conferirgli un carattere speciale.


I Kimchi e uno dei piatti della tradizione coreana più famosi al mondo ed è in assoluto il principale alimento nazionale, tanto che per i coreani una cena senza Kimchi è impensabile.


Varietà di Kimchi

Il Kimchi è composto da verdure fermentate unite a varie spezie.
La verdura più utilizzata è il cavolo cinese e la spezia maggiormente impiegata è il peperoncino piccante, cambiando stagione e regione però, si possono avere molte varianti.


Esistono ad oggi circa 160 varietà di Kimchi delle quali la maggior parte sono abbastanza piccanti. I Kimchi è il contorno base di qualsiasi pasto coreano. È inoltre un ingrediente per altri piatti popolari come lo stufato di Kimchi, le crêpe di Kimchi, il riso fritto al Kimchi o la Kimchi ramen noodle.


Sapore

Il Kimchi è sicuramente un’esperienza degustativa interessante da ripetere più volte in abbinamento a portate diverse.


Il sapore del Kimchi è dato principalmente dalle sue spezie; a seconda della preferenza dello Chef esse gli conferiscono una vasta gamma di aromi ed una piccantezza che và da lieve a molto forte. Il gusto della verdura, come risultato della fermentazione, assume invece toni delicati e leggermente aspri che si rivelano piacevoli e originali.


Al Ristorante giapponese e coreano Tobiko lo Chef adotta una ricetta che privilegia i sapori delle verdure e modera i toni del piccante su un valori medi.


Il Kimchi viene usato in vari modi, come piatto a sè, come contorno o in combinazione ad altre preparazioni per creare nuovi sapori e sta riscuotendo sempre maggior favore a livello internazionale per il suo valore nutrizionale e per le sue qualità salutari.


Storia

Il Kimchi odierno si consuma tutto l’anno, ma all’epoca delle sue origini (circa 3000 anni fa), per le sue proprietà di lunga conservazione e poiché solo poche verdure crescono nei tre-quattro mesi invernali, i coreani usavano prepararlo come sostituto della verdura per l’inverno (un po’ come gli italiani usano fare con la passata di pomodoro) e ancora oggi tra fine novembre e inizio dicembre le casalinghe coreane preparano una gran quantità di Kimchi.

Questa antica pratica tradizionale di preparazione diffusa a livello nazionale e trasmessa di generazione in generazione viene chiamata Gimjang.


Come ogni piatto riserva un’apprezzamento soggettivo ma il suo carattere originale lo rende in ogni caso un’esperienza di gusto interessante.


Augurandoci il vostro gradimento, vi aspettiamo per gustarlo al Tobiko.

Come sempre un Grazie ed un Saluto da tutto lo staff.