News & Press

Alga Nori ... ma fa bene?

Ecco alcune informazione sulla famosa alga sushi
  • Samgak - polpette di riso ripiene cucina coreana
  • Sushi e Sashimi - roll sake avocado e kampyo

La risposta è Sissì!

Un Cliente ci ha recentemente chiesto se l’alga Nori fa bene.
Non è la prima volta che ci viene rivolta questa domanda e ci siamo resi conto che le qualità di questo alimento sono ancora poco conosciute anche se è ormai largamente impiegato in tutti i ristoranti orientali.

Così oggi vi raccontiamo del gran bene che l’alga nori fa al cuore e delle altre sue proprietà.

La Nori, chiamata anche alga sushi o sushi nori, è un alimento genuino e molto semplice da assimilare, si digerisce per circa il 70%, ed è ottima dal punto di vista delle sostanze nutritive, infatti contiene le vitamine A, B e C, l’arginina e la taurina. Tutti elementi che contribuiscono a prevenire la comparsa dei calcoli ed a ridurre il livello di colesterolo nel sangue.

La Nori è un alga marina molto usata per la preparazione di vari piatti della cucina giapponese e di quella coreana, i sushi roll ne sono un esempio classico.
Il suo gusto è delicato, poco sapido e combina il ricordo dell’oceano con la leggerezza dei vegetali in un sapore estremamente originale.

Viene raccolta e fatta essiccare in forma di fogli. In Giappone si consuma prevalentemente al naturale mentre in Corea del Sud è diffusissima la pratica di tostarla, salarla, aromatizzarla con oli e spezie e servirla in dimensioni di poco superiori ai crakers occidentali.

Al Tobiko potete gustare la Nori in entrambe le maniere: quella coreana è utilizzata per la preparazione degli Samgak, ovvero polpettine di riso ripiene, realizzate a mano con forma triangolare e avvolte parzialmente da un foglio di alga Nori tostato; quella giapponese per i sushi roll che non hanno bisogno di ulteriori presentazioni.

E’ interessante accostare queste due portate perché al palato si riesce a percepire nitidamente la differenza tra i sapori più intensi conferiti dalla Nori al Samgak coreano e quelli più delicati che caratterizzano il sushi giapponese.

Naturalmente c’è anche chi la gradisce poco e si orienta verso surrogati come i fogli di soia.

Per quanto ci riguarda facciamo il tifo per il sapore, per la tradizione e per il buon mangiare.

Buona Nori a tutti.
Lo staff del Tobiko